INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Giovedì
23 Nov 2017

San Clemente I Romano Papa e martire

Luna: Fra 3 gg
Primo Quarto

Chi fa presto fa per due, chi tarda sempre azzarda
Meteo nel Salento: temp. 8 °C, Umid. rel. 87%, Scirocco (1.03 m/s, Bava di vento), press. 1021 hPa
 
 Home » Chiesa dei Diavoli
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Chiesa dei Diavoli

Tricase tra leggende e superstizioni

Chiesa Nova detta dei Diavoli a Tricase

Il Salento è un luogo magico e questo è risaputo; tuttavia, uno dei luoghi in cui maggiormente leggende e superstizioni prendono vita è la chiesa dei Diavoli nel territorio di Tricase.

Dopo anni di abbandono la chiesa, intitolata ufficialmente alla madonna di Costantinopoli e chiamata, convenzionalmente, Santa Maria Nova, torna ad essere fruibile, grazie ai fondi comunitari e un attento restauro durato 3 anni.

Chiesa Nova detta dei Diavoli a Tricase

Poco purtroppo resta della struttura originale, asportati dai vandali durante lunghi anni di abbandono; all'interno restano solo parte dell'altare principale, una targa in pietra con una dedica in latino e i particolati capitelli posti in alto ad ogni angolo per delineare maggiormente la volta e la particolare forma ottagonale. Si, perché questa chiesetta di campagna ha una inconsueta forma a ottagono, che viene ripresa, per chi non se ne accorgesse guardandola, anche in un disegno fatto con i basoli sul piccolo sagrato.

Chiesa Nova detta dei Diavoli a Tricase

La chiesa fu costruita nel 1685 per volere del marchese Jacopo Francesco Arborio Gattinara, sui resti di una chiesa più antica, molto probabilmente bizantina; sorge su un'altura del territorio, una sorta di banco roccioso, che è stato “spianato” per realizzare le fondamenta della costruzione. Dapprima fu dedicata infatti alla Madonna di Costantinopoli; successivamente, per la sua forma inusuale, fu dato il nome di Chiesa Nova e, con il passare del tempo, in seguito a fatti misteriosi che legavano i feudatari del luogo, che si dice possedevano un favoloso “Libro del Comando”, con cui potevano dare ordini al Maligno, gli fu attribuito il nome di “Chiesa dei Diavoli”.

Narra, infatti, la leggenda che i feudatari chiesero al diavolo di costruire la chiesa; questi la edificò in una sola notte e , contemporaneamente, si obbligò a donar loro un forziere pieno di monete d'oro se avessero dato da mangiare ad un caprone un'ostia consacrata. Il feudatario, però si rifiutò, rinunciando al forziere ed al “premio” in denaro. Il rifiuto fece montare su tutte le furie il diavolo che tramutò l'oro in rame e scaraventò le campane della chiesa in mare, nel canale del Rio, dove ancora oggi, nei giorni di tempesta, si dice se ne sentano i rintocchi.

Chiesa Nova detta dei Diavoli a Tricase

Non si sa con certezza quando la leggenda ha preso vita; certo è che la gente del posto è sempre stata terrorizzata dal feudatario e dallo stesso luogo, tanto che, ancora oggi, la gente parla di una presenza nefasta che si aggira nella notte per queste contrade. La “malumbria” ed i racconti che la riguardano, però, non hanno tenuto lontani i cercatori di tesori che, con zappe e picconi, hanno distrutto pavimento, altari e suppellettili in cerca di un improbabile forziere.

La chiesa fu utilizzata come luogo di culto per molti anni fino al 1878, anno in cui fu interdetta al culto dal vescovo del tempo Maselli.

Per l'inaugurazione è stata realizzata una particolare coreografia curata dal regista tricasino Edoardo Winspeare: voci narranti, musica suggestiva e racconti hanno dato vita ad un evento fuori dall'ordinario.

Documento creato il 17/03/2013 (10:21)
Ultima modifica del 17/03/2013 (10:37)

Fortune Cookie...

Chi ben comincia è gia` a meta` dell`opera.
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124