INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Martedì
22 Ott 2019

San Donato di Fiesole Vescovo

Luna: 2 gg dopo
Ultimo Quarto

Chi accarezza la mula, buscherà dei calci
Meteo nel Salento: temp. 13 C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » I Comuni » Manduria » Le origini
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Le origini

Nessuna traccia scritta

palazzo comunale a manduria

Non è mai facile risalire alle origini di una cittadina, vista, purtroppo, la grave mancanza di informazioni storiche a supporto di qualsiasi tesi. Questo è vero specialmente nel caso del Salento, dove, spesso, le uniche informazioni provengono da scritti di autori greci o latini che vedevano come "vinti" i popoli preesistenti alla conquista romana.

Nel caso di Manduria, prescindendo da alcuni storici che hanno addirittura avanzato teorie che attribuiscono le origini della città a mercanti fenici, probabilmente si tratta di un sito abitato sin dalla preistoria, grazie alla fertilità dei luoghi ed all'abbondanza di acqua.

Ai nuclei abitativi originari sopravvennero, intorno al XIII XII secolo a.C. le prime tribù Japigio-Messapiche che, con facilità, sottomisero gli originari abitanti, dando, in seguito, luogo ad una fervida comunità di "città stato" che sarebbe stata conosciuta nel corso dei secoli come "Messapia".

Mandriani o Manduriani?

la piazza principale a manduria

I Messapi furono grandi allevatori; è proprio a questa attività che si deve il nome della cittadina, probabilmente mutuato dal greco "Mandra" (stalla, recinto) a sua volta, probabilmente, derivato dall'Indoeuropeo "Mando" (cavallo). E, in effetti, i Messapi, in quanto Illiri, erano una popolazione indoeuropea proveniente dai Balcani. Narra una leggenda che, durante uno dei tanti assedi, i Manduriani fecero rotolare sugli assedianti tarantini un gran numero di formaggi, a dimostrare che non temevano ne assedi ne carestie.

Costantemente in guerra

La relativa vicinanza con Taranto (poco più di 40 Km) e l'eterna rivalità tra Messapi e Magni Greci, trasformò la cittadina in una "città di frontiera" che intraprese, insieme a tutti i Messapi, una serie di guerre con alterne vicende con Taranto ed i suoi alleati.

Come gran parte delle città messapiche, il sito scelto era nell'immediato entroterra, collegato ad un porto sulla costa vicina. Pertanto, nel caso di Manduria, il porto era localizzato nella vicina San Pietro in Bevagna, attuale frazione di Manduria, a circa 11 km dalla città.

Documento creato il 27/08/2004 (12:22)
Ultima modifica del 27/08/2004 (12:22)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124