INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Martedì
22 Ott 2019

San Donato di Fiesole Vescovo

Luna: 2 gg dopo
Ultimo Quarto

Chi accarezza la mula, buscherà dei calci
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » I Comuni » Manduria » La Fonte di Plinio
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

La Fonte di Plinio

La Storia Naturale di Plinio

plinio il vecchioPlinio il Vecchio, scrittore dell'antichità morto durante l'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C., dopo aver passato gran parte della giovinezza nell'esercito, volle lasciare ai posteri una serie di opere enciclopediche che potessero raccogliere lo scibile umano del tempo.

Anche se spesso è relativamente impreciso e non si cura di verificare molti particolari descritti, ci ha lasciato un'opera che vale la pena di consultare, anche perché rappresenta una delle poche tracce scritte del mondo dei Messapi: la "Storia Naturale". Nel secondo Libro dell'opera scrive, appunto, di una fonte sita all'interno delle mura di Manduria.

Tra storia e leggenda

La fonte, che oggi si presenta più volte rimaneggiata nei secoli, ha sicuramente origini antichissime e, probabilmente, è stato l'elemento maggiormente aggregante per le antiche popolazioni. La fonte era nota già prima dei Messapi; essi, però, la coprirono di maggior significato e diedero alla fonte poteri magici.

la fonte di plinio

I Messapi, prima di ogni battaglia, usavano bagnarsi con l'acqua della fonte, per averne protezione. In segno di gratitudine, fondevano l'oro dei nemici vinti e lo disponevano, in forma di mandorle e tralci, sull'albero che sovrastava il pozzo.

Narra una leggenda che, durante una sortita, le milizie Messapiche trafugarono dalla vicina Taranto, una formidabile chioccia dalle uova d'oro che nascosero nella caverna della fonte.

Alcune informazioni

La caverna della Fonte di Plinio è di forma circolare, con un raggio di circa 9 metri. È interamente scavata nella tenera arenaria; ha due vasche, una addossata alla parete nord ed una al centro della sala, protetta da una costruzione circolare. L'acqua delle polle circostanti confluisce nelle due vasche.

Il lucernario, protetto esternamente dalla costruzione divenuta simbolo di Manduria, è esattamente sopra la vasca centrale; un sistema di gradini permetteva agli antichi abitanti di giungere all'acqua e di bagnarsi in essa. Il fatto che sia all'interno delle antiche mura, dimostra l'importanza che il luogo aveva per gli antichi manduriani.

Documento creato il 27/08/2004 (12:25)
Ultima modifica del 07/03/2011 (19:07)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124