INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Domenica
19 Nov 2017

Santa Matilde di Hackeborn (o di Helfta) Monaca

Luna: 1 gg dopo
Luna Nuova

Il dotto molto pensa e poco parla, non pensa l'ignorante e sempre ciarla.
Meteo nel Salento: temp. 9 °C, Umid. rel. 93%, Maestrale (2.57 m/s, Brezza leggera), press. 1012 hPa
 
 Home » Erodoto ed i Messapi
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Erodoto ed i Messapi

Erodoto e le sue storie

ErodotoErodoto fu uno storico greco. Nacque intorno al 485 a.C. in Asia Minore, precisamente ad Alicarnasso, una città della Caria, regione del sud-ovest dell'attuale Turchia, bagnata dal Mar Egeo e dal Mar Mediterraneo.

Tra i suoi scritti più conosciuti annoveriamo sicuramente le "Storie", dove raccolse le informazioni sulle varie popolazioni che aveva avuto modo d'incontrare durante i suoi viaggi. Erodoto viaggiò moltissimo: voleva scrivere solo ciò che aveva, veramente, avuto modo di verificare, in modo da far giungere a noi le notizie più vicine possibile alla realtà. Ecco cosa ci scrive sulle origini della Japigia:

Si racconta infatti che Minosse, giunto in Sicilia alla ricerca di Dedalo, vi perì di morte violenta. Tempo dopo i Cretesi arrivarono in Sicilia con una grande flotta e strinsero d'assedio per cinque anni la città di Camico (l'attuale Agrigento). Infine, non potendo né conquistarla né rimanere lì, oppressi com'erano dalla carestia, abbandonarono l'impresa e se ne andarono. Quando, durante la navigazione, giunsero sulle coste della Japigia, una violenta tempesta li spinse contro terra: le imbarcazioni si fracassarono e giacché non vedevano più modo di fare ritorno a Creta, fondarono sul posto una città, Iria, e vi si stabilirono cambiando nome e costumi: da Cretesi divennero Iapigi Messapi e da isolani continentali. Muovendo da Iria fondarono altre città, quelle che molto più tardi i Tarantini tentarono di distruggere subendo una tale sconfitta da causare in quella circostanza la più clamorosa strage di Greci a nostra conoscenza, di Tarantini e di Reggini. I cittadini di Reggio, venuti ad aiutare i Tarantini, morirono in tremila; i Tarantini caduti, poi, non si contarono neppure.

Il racconto è particolarmente interessante ed è il più antico giunto sino a noi. È stato scritto, probabilmente intorno al 450 a.C. e si riferisce alla storia di uno sbarco di circa 500 anni prima. I riferimenti alle date sono chiari nel proseguo del racconto di Erodoto:

A Creta, rimasta spopolata, a quanto dicono i Greci, si insediarono altre genti, specialmente Greci; due generazioni dopo la morte di Minosse scoppiò la guerra di Troia.

Molti studiosi sono concordi nel datare la guerra di Troia attorno al 1000 a.C.; con i dovuti calcoli la storia narrata da Erodoto si svolse intorno al 1100 a.C. e pone alcune basi che saranno riprese, spesso, dagli studiosi futuri:

  1. La Japigia esisteva già, ai tempi di Erodoto, come ben identificata regione;
  2. Fondarono una prima città, Iria, e da lì si mossero fondando le altre città
  3. I Cretesi divennero JapigiMessapi e diedero il via alla civiltà che avrebbe fatto guerra ai Tarantini (è ben nota la rivalità tra Magni Greci e Messapi)

La guerra con Taranto avvenne, però, durante la vita di Erodoto. Era il 473 a.C. circa. In questo periodo i Messapi costituirono la "simmachia" con l'intenzione di combattere Taranto ed i suoi alleati.

Purtroppo, Erodoto non spiega dove approdarono i profughi cretesi e dove fondarono la loro prima città.

Articolo curato da Franco Meraglia

Documento creato il 29/05/2004 (18:36)
Ultima modifica del 18/03/2011 (15:49)

Fortune Cookie...

Non c`è buon bifolco, che faccia sempre dritto il solco.
Il salento che lavora
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124