INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Domenica
19 Nov 2017

Santa Matilde di Hackeborn (o di Helfta) Monaca

Luna: 1 gg dopo
Luna Nuova

Il dotto molto pensa e poco parla, non pensa l'ignorante e sempre ciarla.
Meteo nel Salento: temp. 9 °C, Umid. rel. 93%, Maestrale (2.57 m/s, Brezza leggera), press. 1012 hPa
 
 Home » La loro lingua
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

La loro lingua

La lingua

DipintiAbbiamo, ora, compreso da "dove" venivano gli Illiri. Purtroppo, ancora, ben poco si sa della loro lingua e da dove essa derivi.

Non è facile immaginare cosa sia potuto succedere in un periodo così lontano, oltre 1000-1300 anni prima della nascita di Cristo. È probabile che in quel tempo fossero veramente poche le popolazioni ancorate al proprio territorio. Probabilmente i popoli si aggiungevano gli uni agli altri, mescolando la propria lingua con quella della popolazione alla quale si univano, più o meno pacificamente.

Probabilmente, nel loro vagare per il mondo antico, alcune delle diverse tribù, ad un certo punto, ebbero rapporti molto stabili con una popolazione antichissima: i Pelasgi.

Dei Pelasgi ne parla anche Erodoto nelle sue Storie, quando certa ci "distinguere" gli Spartani dagli Ateniesi:

… Spartani e Ateniesi prevalevano nettamente all'interno dei loro gruppi etnici, rispettivamente il dorico e lo ionico. Erano in effetti i due popoli preminenti: l'uno di antica origine pelasgica, l'altro di origine ellenica …

I Pelasgi sembra provenissero dall'Asia Minore e fossero stanziati nell'area Mediterranea/Egea dando vita ai primi albori di quella che sarebbe stata la più ampia civiltà Greca. Gli Illiri, i cui territori "confinavano" con quelli spartani, ne subirono una diretta influenza, negli usi e, soprattutto, nella lingua.

Pertanto i rapporti tra Pelasgi, Greci ed Illiri non fecero altro che segnare marcatamente questi popoli balcanici e contribuirono ad omogeneizzarne la cultura.

Per voler fare una similitudine con le lingue attuali, sembra che la lingua più vicina a quella parlata dagli antichi Iapigi / Messapi / Illiri / Pelasgi sia l'Albanese. La loro lingua è il moderno risultato dell'antico idioma dei Pelasgi inquinato da inevitabili influenze illiriche. Tuttavia, la lingua albanese si è conservata meglio rispetto ad altre sostanzialmente perché gli Albanesi hanno potuto vivere per millenni fra le loro montagne al riparo da altre influenze spesso devastatrici.

Ma ci sorge una domanda: se i Pelasgi, che provenivano dall'Asia Minore, erano in questa regione prima dei Greci e degli stessi Illiri e se gli Illiri erano diversi dai Greci, questi due popoli da dove venivano? Ovviamente, stiamo parlando di un periodo antecedente Omero e la guerra di Troia e non è facile rispondere a questa domanda, se non con congetture che, spesso possono sembrare estremamente fantasiose.

Recentemente, però, è stata ipotizzata un'interessante teoria che vede il fiorire della civiltà greca nel Mar Baltico... Ma questa, è un'altra storia!

Articolo curato da Franco Meraglia

Documento creato il 29/05/2004 (18:39)
Ultima modifica del 03/03/2011 (13:14)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124