INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Domenica
19 Nov 2017

Santa Matilde di Hackeborn (o di Helfta) Monaca

Luna: 1 gg dopo
Luna Nuova

Il dotto molto pensa e poco parla, non pensa l'ignorante e sempre ciarla.
Meteo nel Salento: temp. 9 ░C, Umid. rel. 93%, Maestrale (2.57 m/s, Brezza leggera), press. 1012 hPa
 
 Home » Il commercio
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Il commercio

Illiria, Italia e commerci

CapitelloTra Illiri ed Italia il legame Ŕ particolarmente stretto.

Ipotizzando che i primi colonizzatori della nostra regione provenissero dall'area corrispondente all'attuale Albania, Ŕ facile immaginare che gli scambi fossero anche molto frequenti tra le due sponde dell'adriatico.

Sembra che gli Illiri utilizzassero delle veloci navi, chiamate "lembi". I lembi erano delle piccole ed agili imbarcazioni dotate di 50 remi ed in grado, in caso di necessitÓ, di trasportare sino a 50 soldati. Erano molto veloci e potevano attraversare il canale d'Otranto in pochissime ore.

Ovviamente, anche le doti di carico non dovevano essere trascurate. In caso di non belligeranza, il posto occupato dai soldati poteva essere utilizzato per trasportare merci di ogni tipo.

Questo giustifica le doti di grandi commercianti che i Messapi, in quanto trib¨ illirica, avevano giustamente ereditato dai loro avi.

Nei recenti scavi, Ŕ stato possibile rinvenire oggetti di particolare pregio e monete provenienti dalle principali aree del mondo conosciuto di allora. Monili di ambra, oro, piccoli smeraldi ma, soprattutto, ferro, dimostrano che queste popolazioni erano molto attive commercialmente.

Casualmente, a Vaste, in una delle tante campagne di scavo, venne alla luce un "tesoretto" di ben 150 monete d'argento, nuovissime, provenienti, in prevalenza, dalla zecca di Taranto oltre ad altre di Brindisi e Atene. Tutto questo a testimonianza dell'uso della moneta e degli intensi traffici che questi antichi abitanti intraprendevano.

Articolo curato da Franco Meraglia

Documento creato il 29/05/2004 (19:26)
Ultima modifica del 11/03/2011 (17:37)

Fortune Cookie...

Uccello in gabbia non canta per amor, canta per rabbia.
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124