INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Lunedì
16 Set 2019

San Cipriano

Luna: 2 gg dopo
Luna Piena

A rubar poco si va in galera a rubar tanto si fa carriera.
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » I Comuni » Alessano » Oronzo Gabriele Costa
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Oronzo Gabriele Costa

Oronzo Gabriele Costa

Oronzo Gabriele CostaOronzo Gabriele Costa nacque ad Alessano il 26 agosto 1787.

Nel 1808 si trasferì a Napoli per frequentare la locale università e, una volta conseguita la laurea in medicina, decise di tornare a Lecce dove intraprese lo studio della Botanica e della Storia Naturale, lasciandosi affascinare anche dalla Zoologia e la Mineralogia. Iniziò così a raccogliere ogni tipo di campione naturalistico, costituendo un vero e proprio Museo naturale.

Per questa sua passione, nel 1813, gli venne offerta la possibilità di insegnare Fisica nel Collegio Reale di Lecce; tuttavia, nel 1820, per motivi politici, fu rimosso dall'incarico.

Nel 1824 si trasferì a Napoli dove divenne membro dell'Accademia Reale delle Scienze e dell'Accademia Pontaniana. Oltre che come naturalista, nella capitale del Regno, fu apprezzato anche come Medico. Fece, infatti, parte della delegazione governativa inviata a Vienna per studiare cause e cure del colera.

Tutti questi incarichi e le varie opere scientifiche pubblicate lo fecero notare dal Governo Napoletano tanto da conferirgli la cattedra di Zoologia presso l'Università di Napoli. Ebbe così inizio la sua carriera che lo portò a costituire l'Accademia degli Aspiranti Naturalisti.

Purtroppo nel 1849, e sempre per le solite questioni politiche fu rimosso dal suo incarico presso l'Università e l'Accademia, da lui voluta, fu sciolta. Le difficoltà del periodo non spensero, però, l'entusiasmo nel suo lavoro e non lo distolsero dagli studi della zoologia e della paleontologia.

Molta attenzione rivolse in campo paleontologico sulla determinazione dell'età della pietra leccese. I risultati di questi studi portarono alla pubblicazione di alcune decine di opere in vari settori delle scienze naturali. Due di queste sono da considerarsi delle vere pietre miliari negli studi naturalistici in Italia: Paleontologia del Regno di Napoli e Fauna del Regno di Napoli.

Nel 1860, con l'Unità d'Italia, venne reintegrato nella sua cattedra all'Università di Napoli e fu anche deputato al Parlamento nella prima legislatura.

Morì a Napoli il 7 novembre 1867.

Documento creato il 08/03/2004 (16:14)
Ultima modifica del 11/03/2011 (18:30)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124