INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 
Il salento che lavora

Giovedì
29 Giu 2017

Santi Pietro e Paolo Apostoli

Luna: Fra 2 gg
Primo Quarto

Chi va a caccia senza cani, torna a casa senza lepri.
Meteo nel Salento: temp. 33 °C, Umid. rel. 49%, Mezzogiorno (7.20 m/s, Vento moderato), press. 1009 hPa
 
 Home » I Comuni » Casarano » Casaranello
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Casaranello

Casaranello

La chiesetta di CasaranelloCasaranello è stato, certamente, il primo nucleo abitato della moderna Casarano...

Sorto, probabilmente, nel periodo della conquista romana del Salento, nel punto in cui esisteva un accampamento di soldati romani, cominciò, col tempo a crescere, seguendo, purtroppo le sorti dell'Impero Romano: con il suo disgregamento, subisce le incursioni dei barbari prima e dei pirati saraceni successivamente.

Santa Maria della Croce

I mosaici interniDel periodo Medioevale, rimane, ancora oggi, la bella Chiesetta di Santa Maria della Croce (anche conosciuta come Chiesa di Casaranello o Chiesa dell'antico cimitero, dato che, sul retro della chiesa sorgeva il vecchio cimitero cittadino), abbellita da affreschi del V secolo d.C.

Alle sue spalle sorge il Lazzaretto, ormai ridotto, dall'incuria, ad un rudere cadente: con la chiesetta, sono gli unici testimoni rimasti di una cittadina che diede i natali anche ad un Papa, Bonifacio IX.

Inizialmente con pianta a croce greca, la costruzione ha subito, nel corso dei secoli, modifiche ed aggiustamenti, sino a giungere a quella che oggi possiamo ammirare, abbellita da affreschi che, restaurati, coprono ancora gran parte delle mura interne.

I mosaici interniNonostante i diversi rimaneggiamenti che la chiesetta ha subito, è possibile datare la costruzione del primo nucleo dell'edificio intorno al 450 d.C. periodo in cui si andava diffondendo il culto della Madonna, cui, probabilmente, il tempio fu dedicato.

I mosaici che ornano l'interno, in tessere di diversi colori, furono realizzate, con molta probabilità, da artisti provenienti dall'oriente e diretti a Roma: durante questa pausa diedero vita all'opera che sarebbe giunta sino a noi.

Anche la facciata della chiesetta, rivolta ad oriente, non è rimasta così come fu costruita: si presume che sia stata modificata in un periodo non meglio identificato del basso Medio Evo, nello stesso periodo dovrebbe essere stato restaurato anche l'interno.

Una breve nota in merito alle campane della chiesa: esse sono datate 1555 e provengono dalle fonderie Patitari di Gallipoli.

Documento creato il 09/07/2002 (23:32)
Ultima modifica del 11/03/2011 (19:13)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124