INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Martedì
24 Apr 2018

San Fedele da Sigmaringen Sacerdote e martire

Luna: 2 gg dopo
Primo Quarto

Il cuore che ama è sempre giovane.
Meteo nel Salento: temp. 13 °C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » Il calvario a Galatina
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Il calvario a Galatina

18 novembre 2012

Inaugurazione del Calvario a Santa Caterina in Galatina

Domenica 18 novembre, alle ore 18.00 nella basilica di Santa Caterina d’Alessandria la comunità dei frati minori di Galatina presenterà a tutta la comunità il gruppo scultoreo del Calvario, notevole opera in legno policromo realizzata nel XVII secolo dal francescano frà Angelo da Pietrafitta: per l’occasione Monsignor Donato Negro arcivescovo di Otranto presiederà la concelebrazione eucaristica.

Il manufatto si compone del Crocifisso, affiancato dalla Madonna Addolorata e dal San Giovanni, due angioletti ed un mezzo busto dell’Eterno Padre e colpisce per la sua straordinaria vena realistica che si traduce nelle statue realizzate a grandezza naturale e nella drammaticità espressa nel volto doloroso del Cristo. Sul corpo, i segni dei colpi inferti, non lasciano dubbi sulla sofferenza provata, il capo cinto di spine sanguina, così come il costato, a ricordarci che Gesù fu, prima di tutto, uomo.

E il messaggio che frà Angelo da Pietrafitta ha voluto imprimere al gruppo del Calvario torna in tutta la sua bellezza nel restauro condotto dalla restauratrice Maria Prato in collaborazione con Apollonio Tundo. Un lungo e certosino lavoro di recupero dell’opera iniziato nell’ottobre del 2009 e che ha visto la generosità di tanti sostenitori che con il proprio contributo hanno voluto salvare il manufatto dall’avanzato stato di degrado in cui versava, in particolare il Rotary Club di Galatina-Maglie- Terra d’Otranto, distretto 2120.

Torna ad essere ammirato in tutta la sua bellezza il Calvario della basilica di santa Caterina d’Alessandria che sarà temporaneamente collocato nella navata laterale destra fino ad aprile 2013. Questo per permettere di vedere le ferite che si aprono sulla schiena del Cristo tramite una scala, così come prevedeva una tradizione ancora in uso nel secolo scorso durante la settimana santa. Dal mese di maggio il Calvario tornerà nella sua originale collocazione, all’interno dell’ambulacro destro.

La presentazione del gruppo scultoreo restaurato inaugura una settimana ricca di appuntementi in concomitanza con i festeggiamenti di Santa Caterina d’Alessandria, in particolare giovedì 22 novembre la restauratrice Maria Prato illustrerà le diverse fasi del restauro. Per informazioni sul calendario degli incontri e delle celebrazioni previste: 0836.568494 www.basilicaorsiniana.it

Documento creato il 15/11/2012 (18:23)
Ultima modifica del 12/10/2013 (10:10)

Fortune Cookie...

Chi vuol ben parlare, ci deve ben pensare
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124