INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Martedì
20 Feb 2018

Sant' Eleuterio di Tournai Vescovo

Luna: Fra 2 gg
Primo Quarto

Un cuore lieto e forte vince l'amara sorte
Meteo nel Salento: temp. 8 °C, Umid. rel. 100%, Grecale (1.54 m/s, Bava di vento), press. 1008 hPa
 
 Home » Spedizione delle bollette
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Spedizione delle bollette

Spese di spedizione delle bollette illegittime

Spese di spedizione delle bollette: gli utenti si potranno rivolgere direttamente al Giudice di Pace per chiderne il rimborso. La Cassazione conferma la competenza del GdP. Lo "Sportello dei Diritti" della Provincia di Lecce, la cui delega è stata assegnata all'Assessore al Mediterraneo Carlo Madaro, informa gli utenti di pubblici servizi che per chiedere la restituzione delle spese di spedizione delle fatture potranno rivolgersi direttamente al Giudice di Pace. E' quanto dichiara l'Unione Nazionale Consumatori, commentando una recente sentenza della

Corte Suprema di Cassazione, che ha rigettato l'eccezione di carenza di giurisdizione del giudice ordinario su tale materia sollevata da Telecom Italia - che sosteneva addirittura la giurisdizione delle commissioni tributarie - nel corso di una causa intentata nei suo confronti da un consumatore presso il giudice di pace.

Come confermato da numerose sentenze di vari uffici del Giudice di Pace, l'addebito delle spese di spedizione delle bollette è illegittimo, perché l'art. 21 del DPR 633/1972 stabilisce che non possono essere addebitate al destinatario non solo le spese di emissione, ma anche tutte le ulteriori formalità, tra cui rientrano evidentemente i costi di spedizione.

A questo punto, non esistendo in Italia le cosiddette class action, ci si aspetta una valanga di citazioni da parte di utenti di pubblici servizi davanti al Giudice di Pace e quindi anche senza il patrocinio dell'avvocato, ove gli erogatori di tali servizi non si affrettassero a rimborsare quanto illegittimamente percepito.

Lo "Sportello dei Diritti", ha quindi predisposto dei modelli di lettere di messa in mora da inviare tramite raccomandata a. r., reperibili presso l'ufficio sito in viale Marche n. 17, dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 12.30. Lecce, 09 giugno 2006 L'Assessore al "Mediterraneo" con delega allo "Sportello dei Diritti" Carlo Madaro

Documento creato il 09/06/2006 (22:27)
Ultima modifica del 09/06/2006 (22:27)

Fortune Cookie...

Chi semina virtù, fama raccoglie.
Il salento che lavora
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124