INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Domenica
19 Nov 2017

Santa Matilde di Hackeborn (o di Helfta) Monaca

Luna: 1 gg dopo
Luna Nuova

Il dotto molto pensa e poco parla, non pensa l'ignorante e sempre ciarla.
Meteo nel Salento: temp. 9 °C, Umid. rel. 93%, Maestrale (2.57 m/s, Brezza leggera), press. 1012 hPa
 
 Home » Antica mappa del Salento
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Antica mappa del Salento

Il Salento

il salento sulla tabula peutingeriana

Sulla Tabula Peutingeriana il Salento è ben indicato. Abbiamo Taranto, importante città schematizzata con due torri e grande crocevia. A Taranto si aggiungono Brindisi ed Otranto (Ydrunte) e Castro (Castra Minervae) rappresentata, questa volta, da due torri circondare da un fossato (o, forse, è una collina?).

Tuttavia, sono molto interessanti le tappe intermedie. Partendo da Brindisi incontriamo "Balentium" cioè Valesio, città che, ai tempi del Peutinger era ormai definitivamente in rovina e pressoché inesistente (ce lo conferma Antonio Ferraris nel De Situ Japygiae); da Valesio, la tappa successiva è Lupia, ovvero Roca (vecchia) che al tempo di Peutinger si chiamava così ormai da oltre due secoli.

Scendendo ancora verso sud, incontriamo Otranto e, quindi, Castro; da qui risaliamo il versante jonico della penisola salentina ed incontriamo un'altra importante città, non più esistente nel XV secolo: Veretum! Questa è la prova che la mappa è, certamente, una copia di una mappa ben più vecchia, considerando che Vereto fu distrutta sul finire dell’800 d.C. ad opera dei Saraceni.

La via Traiana-Salentina, quindi procede verso nord, toccando i comuni di Ugento, Alezio (Baletium), Nardò (Neritum), Manduria e Taranto. Ci sorprende non trovare indicazione di Gallipoli che, probabilmente, al tempo della prima stesura della mappa aveva meno importanza, a tutto vantaggio della vicina Alezio.

Le distanze tra una tappa e la successiva sono in cifre romane. Tra Alezio e Ugento, ad esempio, c’è un bel "X"; ma cosa indica? In verità la distanza tra Alezio e Ugento è di circa 22 chilometri; con un facile calcolo notiamo che l'unità di misura usata è di circa 2200 metri.

È risaputo che i romani usavano il "miglio", una distanza pari a mille passi che corrisponde a circa 1481 metri; tuttavia, quando si trattava di misurare lunghe distanze i romani ricorrevano alla "lega romana" che corrispondeva a un miglio e mezzo, cioè a circa 2.222 metri.

A questo punto tutto corrisponde: tra Alezio e Ugento ci sono 10 "leghe romane" cioè poco più di 22 Km; tra Castro ed Otranto, in linea d’aria, ci sono circa 16 Km che diventano 8 leghe sulla Tabula: i conti, quindi, tornano!

Documento creato il 10/02/2005 (13:52)
Ultima modifica del 07/03/2011 (18:26)

 

Articoli collegati, per maggior approfondimento:

Altro su questo portale Internet:

  1. Tabula Peutingeriana,
    (http://japigia.com/docs/index.shtml?A=peutinger)
    Il Salento sulla Tabula Peutingeriana

Fortune Cookie...

Il tempo matura il grano ma non ara il campo
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124