INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Mercoledì
21 Feb 2018

San Pier Damiani Vescovo e dottore della Chiesa

Luna: Fra 1 gg
Primo Quarto

I secondi pensieri sono i migliori
Meteo nel Salento: temp. 10 °C, Umid. rel. 94%, Levante (1.54 m/s, Bava di vento), press. 1001 hPa
 
 Home » S. Francesco da Paola
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Archivio 2007

mostra altre voci

S. Francesco da Paola

Fino al 12 maggio 2007

Dopo la felice esposizione nelle sale della Biblioteca Nazionale di Cosenza la mostra bibliografica e documentaria su “San Francesco di Paola” potrà essere ammirata, fino al 12 maggio prossimo, presso la Scuola Media di Fuscaldo, cittadina del tirreno cosentino che ha dato i natali a Vienna, madre del santo paolano.

La dottoressa Rita Fiordalisi, responsabile della mediateca della Biblioteca Nazionale di Cosenza nonché curatrice dell’evento, così ne illustra motivazioni ed obiettivi: «La mostra bibliografica offre al lettore quattro percorsi. Il primo attiene essenzialmente alla vita del frate, attraverso testi quali quelli di Fiore, Barrio e Perrimezzi che ne narrano gli eventi con particolare interesse al rapporto tra il frate e le comunità locali. Legato in forma imprescindibile è il secondo, dedicato a Vienna e a Fuscaldo, con testi come quello di Martire che nel 1877 nella sua opera La Calabria sacra riporta “ Vienna fu della terra e non della famiglia di Fuscaldo…”. Invece, come in un viaggio virtuale alla ricerca delle proprie radici, il terzo percorso ci conduce nei luoghi visitati da Francesco, quelli a Lui consacrati, tra chiese e conventi: Paola, Paterno, Spezzano, Corigliano Calabro, San Marco Argentano, attraverso autori come padre Francesco Russo che dedica ampio spazio alla descrizione dei viaggi di Francesco ed alla costruzione dei conventi. La mostra si chiude (quarto percorso) con uno spazio rivolto alle virtù taumaturgiche del santo, le erbe che adoperava, l’orto che coltivava e l’uso terapeutico che ne faceva: ginestra, castagno e fragole, che già venivano usate ai tempi del frate paolano.Una lettura di queste capacità curative attraverso i testi del De Leo e grazie alle immagini dell’herbarum plantarum, riproduzione facsimilare del Ms. 459 della Biblioteca casanatense.

Il codice è databile agli inizi del Trecento e venne eseguito alla corte di Gian Galeazzo Visconti, è quindi probabile che san Francesco nei suoi viaggi abbia avuto l’opportunità di prenderne visione ed attraverso la lettura conoscere le proprietà delle erbe».

Cosenza, 29 aprile 2007 SILVIO RUBENS VIVONE

Documento creato il 30/04/2007 (12:01)
Ultima modifica del 04/06/2007 (09:12)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124