INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Mercoledì
23 Mag 2018

San Doroteo Monaco russo

Luna: 1 gg dopo
Primo Quarto

Gatto che non è goloso, non piglia mai sorcio
Meteo nel Salento: temp. 13 C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » Insieme a Padre Kizito
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Archivio 2005

mostra altre voci

Insieme a Padre Kizito

Milano 28 maggio 2005

Il 28 maggio, a Milano, ci sarà un grande concerto che si intitola "Quattro stagioni per l'Africa". Sul palcoscenico del Teatro Dal Verme saliranno, a interpretare i loro più popolari successi, Lucio Dalla, Mimmo Locasciulli, Gianna Nannini, Gino Paoli, Ornella Vanoni, Roberto Vecchioni e Alessandro Cerino con la "Crescendo Jazz Band": una squadra di artisti eccezionale, difficile da mettere insieme per tante comprensibili ragioni, ma tutto diventa facile quando c'è di mezzo il desiderio di essere utili, di fare qualche cosa per gli altri.

Si tratta, infatti, di un concerto per beneficenza, a favore delle opere di un missionario italiano, Padre Renato Kizito Sesana, che da quasi trent'anni svolge la sua missione in Africa, soprattutto a favore dei bambini di strada, e gli artisti hanno risposto subito.

Padre Kizito in questi giorni è in Italia. Sta girando per il nostro Paese per sensibilizzare l'opinione pubblica sui problemi di milioni di persone che, nel grande continente africano, muoiono per malattie e fame. Ogni giorno parla in un posto diverso della nostra penisola, a volte lontano anche mille chilometri: un "tour de force" spaventoso, che il missionario sta affrontando da infaticabile comunicatore.

Chi lo incontra, anche una sola volta, ne resta affascinato. Volto segnato, sorriso irresistibile, sguardo sereno, cappelli e barba al vento E' una leggenda. Richiama alla mente il mitico dottor Schweitzer, il missionario protestante tedesco che fu Premio Nobel per la pace nel 1953. Filosofo, teologo, organista di fama mondiale, ad certo momento della sua vita, quando aveva trent'anni, decise di andare ad aiutare i poveri ammalati africani. Si laureò in medicina, si specializzò in malattie tropicali e andò a Lambaréné, nell'Africa equatoriale, dove fondò il suo ospedale che, per decenni, fu provvidenziale fonte di salvezza per migliaia di esseri umani dimenticati dal mondo civile.

Padre Kizito

Padre Kizito è un nuovo Schweitzer. Non è un artista, nel senso che non suona il pianoforte o l'organo, ma ha nell'animo lo stesso ardore e gli stessi ideali del grande dottor Schweitzer. Nato a Lecco, da giovane lavorò come perito meccanico alla Moto Guzzi di Mandello. In fabbrica maturò la vocazione religiosa. Divenne comboniano, assumendo il soprannome di "Kizito", che era uno dei martiri ugandesi del 1886. Fu ordinato sacerdote, poi si laureò in Scienze politiche all'Università di Padova. I Superiori lo incaricarono di dirigere la rivista missionaria "Nigrizia", dove mise in evidenza eccezionali doti di giornalista e scrittore. Una brillante carriera lo attendeva, ma nel 1977 lasciò la vita tranquilla nel nostro Paese per andare in Africa. Prima in Zambia, poi in Sudan, poi in Kenya, nelle baraccopoli, tra i diseredati, i perseguitati, gli affamati, i moribondi, condividendo la loro sorte quotidiana e denunciando fame, miseria, sfruttamenti, guerre, ingiustizie.

Per la sua missione, insieme alla condivisione evangelica dell'esistenza dei più poveri, ha scelto l'arma dell'informazione. Ha fondato giornali, agenzie di notizie, radio, comunità, cooperative, associazioni: è un bulldozer inarrestabile di attività. E anche lui, come faceva il dottor Schweitzer, ogni tanto torna in patria, affronta massacranti tournée per raccogliere aiuti.

Il concerto

Studenti, operai, imprenditori, professionisti, chiunque lo incontra ne resta conquistato. Soprattutto i giovani. Il concerto del 28 è stato organizzato da un gruppo di giovani. In particolare, da Arnoldo Mosca Mondadori, un giovanotto pieno di ottimismo, che sprizza energie positive e dedica gran parte del suo tempo agli ideali di Padre Kizito. Stanno bene insieme. Sembrano due fratelloni: uno giovane, l'altro attempato, ma legati dallo stesso fervore. Due mondi lontani che si fondono nell'anelito di essere utili al prossimo.

Arnoldino, come lo chiamano gli amici, sorprende per i cognomi che porta: Mondadori e Mosca, appartenenti a due famiglie che hanno segnato la cultura italiana degli ultimi sessant'anni. In particolare i Mondadori, ma anche i Mosca. Con questi due illustri cognomi, Arnoldino potrebbe concedersi un'esistenza mondana dorata, ma è stato contaminato dal "virus"che Padre Kizito sprigiona da ogni porro della sua pelle, e così è diventato anche lui un inquieto, sempre indaffarato, sempre impegnato in operazioni culturali e benefiche: collane di libri per far conoscere i valori dello spirito che non tramontano mai e iniziative sociali rivolte agli ultimi della terra.

Insieme al concerto del 28 maggio, Arnoldino ha realizzato a favore di Padre Kizito anche un bel volume, "Quaderno Africano", pubblicato da Frassinelli, riuscendo a raccogliere ben 120 testimonianze sull'Africa, regalate da scrittori, giornalisti, personalità della cultura e dell'arte. Ha messo insieme una "Lotteria d'arte", con opere di celebri pittori, e anche una "Asta": tutto a favore delle opere di Padre Kizito. E la cosa straordinaria sta nel fatto che Arnoldino, a sua volta, ha attaccato il "virus" della solidarietà preso da Padre Kizito agli amici. Così, altri noti personaggi lavorano con lui: giovani manager, pubblicitari, politici, imprenditori, artisti, tutti coinvolti dallo stesso anelito altruistico. E' commovente conoscere i risvolti di queste "epidemie" di volontariato, perchè fanno capire come nel cuore delle persone vi sia sempre tanta generosità. E quando qualcuno, con il bernocolo dell'organizzatore, la solletica, esce allo scoperto e produce autentici prodigi.

Renzo Allegri giornalista - scrittore

Comunicato segnalato da Infopressworld

Documento creato il 02/06/2005 (19:18)
Ultima modifica del 02/06/2005 (19:18)

Fortune Cookie...

E` cattivo amico chi ha se stesso per nemico
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124