INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Lunedì
15 Ott 2018

Santa Teresa di Gesù (d'Avila) Vergine e Dottore della Chiesa

Luna: Fra 1 gg
Primo Quarto

Parere e non essere e come filare e non tessere.
Meteo nel Salento: temp. 13 C, Umid. rel. 67%, Scirocco (6.69 m/s, Vento moderato), press. 1003 hPa
 
 Home » Architettura e politica
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Archivio 2005

mostra altre voci

Architettura e politica

Torino, 10 e 17 maggio - 9 giugno 05

Architettura e politica. Conversazioni a Palazzo Bricherasio A cura di Carlo Olmo Martedì 10 e 17 maggio - Giovedì 9 giugno Sale Storiche - Palazzo Bricherasio, Torino

Nel corso della sua storia la Fondazione Palazzo Bricherasio ha sempre mostrato grande sensibilità verso il tema della valorizzazione culturale. Proprio nella speciale occasione del suo decennale, la Fondazione vuole sottolineare il suo ruolo di primo piano nel campo della promozione della cultura attraverso una serie di iniziative realizzate in collaborazione con la casa editrice Electa, da sempre partner editoriale della Fondazione.

Il progetto comprende un calendario di eventi e momenti di incontro che spaziano dalle arti visive alla filosofia passando per la storia, la politica, il teatro. Grandi nomi del mondo culturale, artistico e istituzionale saranno invitati a Palazzo per dialogare con il pubblico, confrontarsi e condividere le proprie esperienze e conoscenze, rendendo ancora una volta Torino protagonista del dibattito culturale.

Il primo ciclo di conversazioni è focalizzato sul tema Architettura e politica ed è curato da Carlo Olmo, Preside della Ima Facoltà di Architettura di Torino. Storici e architetti si confrontano su diversi temi legati al complesso rapporto tra architettura e politica nella storia: si parlerà di come è cambiato il modo di intendere l'uso degli spazi pubblici; del ruolo, peso e sensibilità delle grandi committenze pubbliche nel corso degli anni in Italia e in altri paesi del mondo; dei modelli di edilizia pubblica che non sono soltanto progettazione e idea dell'abitare ma soprattutto costruzione di una vera e propria comunità di cittadini.

Scrive Carlo Olmo, curatore degli incontri:

Esiste, dopo tanti anni, un terreno per tornare a ragionare di architettura e politica? Non è solo la povertà delle soluzioni che emergono sul piano del governo delle città, ma soprattutto di territori diffusi o dispersi a risollevare questo tema. E' la scommessa, davvero al lumicino, di un riscatto della forma urbis attraverso la qualità del singolo manufatto. La scomparsa dal dibattito, non solo dalle azioni di tante amministrazioni italiane o non, dello spazio pubblico, ma persino dell'art pubblique.
Stimoli e segnali ancora deboli, che tuttavia vanno di pari passo, con una riflessione che, superata una stagione revisionista, sta provando a ragionare, almeno per il Novecento, su alcuni grandi committenze pubbliche, dal Welfare americano ai totalitarismi degli anni venti e trenta. Anche l'esperienza spagnola, è oggetto, nel lungo passaggio dal tardofranchismo alla democrazia, di riflessioni interessanti.
Questi tre incontri vogliono solo provare a prendere in mano questo tema, dai diversi punti sopra appena abbozzati. La crisi dei modelli nazionalisti e d internazionalisti, usciti dalla seconda guerra mondiale e i loro modelli di organizzazione degli spazi. Modelli che avevano nell'edilizia pubblica (con percentuali diverse, ma per alcuni anni confrontabili) uno strumento anche di costruzione di una civitas, non solo di uno spazio abitato. La discussione, tutt'ora percorsa da diverse interpretazioni, sulla seconda guerra mondiale, sugli anni trenta e sulla loro eredità (in termini di continuità e discontinuità), la condizione attuale di chi opera, come architetto, urbanista, amministratore, ma anche di chi cerca di interpretare una condizione del progettista (a qualsiasi scala), come una condizione non isolata ( o isolabile) dai processi decisionali, in un contesto dove si sono indebolite le stesse identità semantiche, ma anche politiche) di committenza, pubblico, previsione.
Un primo momento di discussione, a due voci, ogni volta, per provare a rappresentare questi mondi, cercando di far dialogare conoscenze, esperienze, culture che vanno riavvicinate
.

Calendario degli incontri

Questo il calendario degli incontri che si tengono nelle Sale Storiche di Palazzo Bricherasio:

  • Martedì 10 maggio, ore 18
    Marco Revelli e Vittorio Gregotti
  • Martedì 17 maggio, ore 17
    Giorgio Ciucci e Vittorio Vidotto
  • Giovedì 9 giugno, ore 18
    Carlo Olmo e Francesco Cellini

Per informazioni:
Ufficio Stampa Electa Tel. 02-215.63.456
Ufficio Stampa Palazzo Bricherasio Vittoria Cibrario tel. 011-57.11.805 Antonella Angiono tel. 011- 57.11.806

Comunicato segnalato da: Antonella Angiono

Documento creato il 13/06/2005 (11:14)
Ultima modifica del 13/06/2005 (11:14)

Fortune Cookie...

Non ogni verde fa fiore, non ogni fiore fa frutto
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124